Rimpatrio aereo sanitario: guida al servizio trasporto malati

Il rimpatrio sanitario in aereo costituisce un evento spesso non programmato, di cui poco si conosce, finché non ci troviamo a doverne usufruire. Può capitare infatti di subire un infortunio o di ammalarsi, più o meno gravemente, mentre ci troviamo all’estero, per lavoro o in vacanza.

Cliniche assenti sul posto o non all’altezza, volontà di farsi curare vicino ai propri familiari, necessità di trovarsi nei pressi di casa per risolvere questioni lavorative importanti durante la convalescenza: ecco i motivi più frequenti che portano i pazienti a ricorrere a un rimpatrio assistito su aeroambulanza. Utilizzare il servizio trasporto malati su di un volo sanitario è spesso l’unica via da percorrere per poter tornare nel proprio paese di origine, qualora le condizioni di salute non permettessero di affrontare un normale viaggio di ritorno.

Rimpatrio sanitario in aereo

Rimpatrio aereo sanitario: aeroambulanza

Ogni caso viene, di volta in volta, seguito prontamente da un team di esperti nell’organizzazione di voli sanitari, anche urgenti. Contattando il nostro Centro Di Aeroambulanza, avrete a disposizione dei veri e propri jet, attrezzati con tutto l’equipaggiamento sanitario necessario a far giungere a destinazione il paziente in sicurezza.

A bordo di un’aeroambulanza, sono presenti medici specializzati in cure avanzate, oltre a macchinari per la terapia intensiva e per la ventilazione di quei pazienti bisognosi di ossigeno. Sono moltissimi gli aeroporti in Italia e all’estero in cui è possibile far atterrare un’ambulanza aerea: il nostro personale saprà indicarle e consigliarle come scegliere la città di decollo e di atterraggio, al fine di rendere tutta l’operazione più semplice e confortevole per il malato da trasportare.

La nostra società di trasporti sanitari aerei si occuperà di far arrivare comodamente i pazienti in aeroporto senza stress, grazie ad appositi mezzi di soccorso e autoambulanze, che consentono spostamenti il più possibile atraumatici per il malato da trasferire.

Se gli stati vicini sono adiacenti o situati a meno di 300 chilometri di distanza l’uno dall’altro, il rimpatrio sanitario può avvenire anche su eliambulanza. Si tratta di un elicottero ambulanza dotato dello stesso equipaggiamento delle ambulanze aeree, il cui vantaggio è quello di poter sfruttare, per l’atterraggio e il decollo, le piazzole di sosta presenti nei pressi di cliniche e ospedali.

Rimpatrio aereo sanitario : aereo di linea

Un altro sistema utilizzato per effettuare il rimpatrio sanitario di un malato è usufruire di una scorta medica su volo di linea. Questa possibilità è riservata a pazienti in condizioni di salute stabili, che necessitano comunque di assistenza sanitaria in volo. Un’equipe composta da personale medico esperto si occuperà di accompagnare i malati durante il volo, prestando le dovute cure e intervenendo in caso di criticità.

Il trasporto malati può essere fatto con barella, prenotando più posti all’interno del velivolo, o seduti, a seconda dell’entità e del tipo di malattia. Anche in questo caso, la nostra società si occuperà di garantire il trasferimento dalla clinica di provenienza all’aeroporto e viceversa, mettendo a disposizione i propri mezzi di soccorso via terra.

Contattateci - Assistenza 24 ore

Vi potete rivolgere al nostro numero telefonico internazionale per maggiori informazioni: saremo lieti di assistirvi e di fornirvi un preventivo personalizzato e preciso in tempi brevi. Vi ricordiamo che, se avete a disposizione un’assicurazione medica di viaggio, molte delle spese sostenute per il rimpatrio sanitario in aereo potranno essere rimborsate. Contattateci adesso: 

Torna alla pagina iniziale