Incidente all’estero: come si svolge il rimpatrio sanitario?

Cosa fare in caso di incidente all’estero e come si svolge il rimpatrio sanitario? Facciamo chiarezza su un tema di cui sicuramente fa poco piacere a tutti parlare, ma di reale importanza. Oggi come oggi, sono davvero molti i viaggiatori che si recano frequentemente all’estero, per questioni lavorative o per godere le ferie, complici i prezzi accattivanti delle vacanze fuori porta.

Ovviamente, quando partiamo per un viaggio di lavoro o di piacere, pensiamo sempre alle cose positive che lo spostamento apporterà al nostro bagaglio di esperienze, dimenticandoci di documentarci anche su come risolvere gli eventuali imprevisti. Di quest’ultimi, fanno parte gli incidenti all’estero, eventualità meno rare di ciò che si può pensare.

Incidente all’estero: come si svolge il rimpatrio sanitario?

È chiaro che, se l’infortunio è lieve, il più delle volte si risolve tutto sul posto, senza complicazioni e conseguenze. Ma, come muoversi se si deve rientrare al più presto nel proprio paese di origine? Rimpatriare può diventare necessario sia per ricevere le cure appropriate in cliniche all’altezza della situazione, sia per avvicinarsi alla famiglia di origine.

Ma non solo: pensate a quelle persone che non possono assentarsi per molto tempo dallo stato in cui lavorano e devono assolutamente rientrare in patria, per gestire importanti questioni lavorative. È in questi casi che, se il paziente infortunato non è in grado di affrontare un normale viaggio di ritorno, entra in gioco il rimpatrio sanitario assistito.

Rimpatrio sanitario per incidente all’estero: cosa fare

Stipulare un’assicurazione di viaggio che copra il viaggiatore laddove sussista la necessità di un rimpatrio sanitario per incidente all’estero, sarebbe sempre buona abitudine, prima di recarsi in un paese straniero.

Anche se non tutti seguono tale prassi, è possibile ricevere assistenza intercontinentale affidabile e competente, oltre a un preventivo preciso e dettagliato, affidandosi ad aziende competenti, in grado di fornire la migliore assistenza intercontinentale.

Si tratta di aziende capaci di organizzare, in poco tempo, rimpatri sanitari in aeroambulanza, eliambulanza, o aereo di linea con scorta medica, da scegliere in base alle esigenze e condizioni di salute del paziente.

Il rimpatrio sanitario dall’estero si svolge seguendo un’attenta procedura, che prevede di prelevare il paziente dalla clinica di provenienza e di scortarlo in autoambulanza, fino all’aeroporto o al luogo dove si trova il velivolo che lo dovrà portare a destinazione.

Ogni mezzo di soccorso sarà attrezzato, di volta in volta, con l’equipaggiamento medico necessario al caso specifico.

Incidente all’estero: come si svolge il volo sanitario di rimpatrio

Il miglior mezzo per rimpatriare dopo aver subito un incidente all’estero, è senza ombra di dubbio l’ambulanza aerea. Per i voli sanitari vengono impiegati moderni jet ambulanza, oppure aereo ambulanze a turboelica. Quest’ultime, più piccole dei jet, riescono ad atterrare e decollare anche in piste corte: possono dunque raggiungere anche località poco accessibili, dotate di aeroporti minori.

È molto importante sapere che gli aerei ambulanze e le eliambulanze, funzionano come delle vere e proprie sale ospedaliere di terapia intensiva e sono provviste di tutto ciò che serve a trasferire in sicurezza anche gli ammalati in condizioni di salute critiche.

I medici e gli infermieri specializzati incaricati al volo sanitario, accompagnano il malato durante l’intero percorso, occupandosi di monitorare costantemente il suo stato e intervenendo tempestivamente al bisogno.

Stessa cosa vale per il servizio del rimpatrio in aereo di linea con scorta medica, riservato ai pazienti con parametri vitali stabili, che avranno la possibilità di viaggiare, anche se barellati, avendo sempre accanto del personale medico esperto.

In molti casi, uno o due parenti o amici hanno la possibilità di viaggiare insieme al paziente infortunato, usufruendo dello spazio disponibile sui velivoli.

Contattateci

Per conoscere maggiori dettagli sul rimpatrio sanitario per incidente all’estero, potete contattare il nostro numero intercontinentale gratuito, attivo24 ore su 24, tutti i giorni della settimana. Prendete contatto:

Torna alla pagina iniziale